Della Chiesa: "Per provare a vincere a Milano serviranno ben più di 59 punti realizzati"

E' andata in scena ieri sera a "Minors Takeover", su Radio 5.9 il pre partita della sfida fra Pallacanestro Milano 1985 e Sesa Sustinente. A presentare la sfida sono stati i coach Nicola Della Chiesa e Romano Petitti e la guardia Luca Bordato, grande protagonista della gara d'esordio. 

Nicola Della Chiesa (Coach Sesa): "La gara contro Prevalle ci ha visto sempre rincorrere ma senza mai staccarci dalla gara. Mi è piaciuto molto l'atteggiamento della squadra e la sua voglia di lottare su ogni pallone. Purtroppo alcuni nostri giocatori sono incappati in una giornata storta e questo ci ha penalizzati in fase d'attacco. Meglio la difesa anche se serve migliorare la continuità nell'arco dei 40 minuti. Ripartiamo dall'atteggiamento e dallo spirito di sacrificio. Affrontiamo una Milano che ha esperienza di questo campionato ed è ben strutturata fisicamente. Servirà segnare ben più di 59 punti se vorremo provare a vincere in casa di Milano". 

Romano Petitti (Coach Pallacanestro 1958): "La prima giornata ha sancito risultati abbastanza aspettati. La nostra gara a Lumezzane è stata molto combattuta e si è decisa negli ultimi 120' con giocate di un singolo. Sustinente la reputo un'ottima squadra costruita con grande intelligenza per fare un campionato importante. Hanno giocatori di grande qualità come Faccioli che ho incontrato molte volte nelle ultime stagioni. Mi aspetto una gara molto equilibrata, ma in generale tanto equilibrio in questo campionato tranne un paio di squadra. Il nostro obbiettivo è agguantare l'ultimo posto ai play off: per farlo dovremo superare squadre di ottima caratura dato che il livello, rispetto alla passata stagione, è molto aumentato". 

Luca Bordato (Guardia Sesa): "Siamo reduci da una gara contro Prevalle affrontata con grande impegno da parte di tutti. E' dall'intensità difensiva che dobbiamo ripartire per affrontare una CGold che ci ha immediatamente mostrato il livello differente rispetto alla CSilver. Penso che la nostra, sia una squadra costruita molto bene con grandi individualità in ogni reparto e uno spirito di coesione che raramente si trova. Sustinente è un ambiente nuovo per me che mi ha conquistato immediatamente: c'è sempre tanta gente e grande passione attorno alla squadra. Contro Milano dobbiamo ripartire dalla buona difesa e aumentare il nostro rendimento offensivo: è una gara che, se giocata al massimo, può diventare alla nostra portata".