Inizia l'avventura della seconda fase per il Sesa: Obiettivo salvezza

Dopo una regular season costellata di tribolazioni varie, è arrivata l'ora per il Sesa di Zecchini e Boscovich di giocarsi tutte le carte a disposizione per arrivare alla salvezza. Dopo gli addii di Monzardo e Filic e gli arrivi di Cerniz e Vucinovic, i tanti infortuni (fra cui quello di Faccioli), non ci sono alternative per la società del Presidente-Coach Zecchini: vincere e salvarsi.
 
Il Sesa ha fatto tutto quanto in suo potere, ammettendo correttamente qualche errore di inesperienza, per cercare di adattarsi ad una categoria impegnativa come la Serie CGold: ora tutto è nelle mani della squadra (e della dea bendata, vista la sfortuna della stagione). A detta degli esperti, il girone Ovest era di livello tecnico leggermente inferiore a quello Est, dove hanno giocato i falchi: le prossime 12 giornate daranno il responso finale. 
 
La poule salvezza riserva vari motivi di interesse: ad esempio, il 27 Aprile si giocherà a Cantù, nella mitica "Parini", contro l'ABC Cantù che è la parte "minors" di una delle società più gloriose del basket italiano. Sarà una poule durissima, non fosse altro che per gli oltre 2500 km di trasferte (Cantù, Mortara, Opera, Cisago, Erba) che attendono i falchi della bassa. sei squadre si salveranno direttamente, una sola retrocederà, le restanti quattro si sfideranno in un unico turno playout per decidere le ultime due retrocesse. Il Basket Sustinente c'è. E ci sarà anche il suo fedelissimo pubblico.
 
Biglietti per le gare interne 5€
se abbonati della stagione regolare 3€